mercoledì , 21 Febbraio 2024
josh doig
foto: sassuolocalcio.it

Josh Doig si presenta: “Sassuolo è una nuova sfida, sono sicuro che ci salveremo”

Josh Doig è il volto nuovo in casa Sassuolo: il terzino sinistro è arrivato a titolo definitivo dall’Hellas Verona ed ha già esordito in maglia neroverde, seppur in amichevole, contro la terza squadra di Verona, la Virtus Verona. Doig è stato presentato alla stampa nella giornata di ieri: queste le parole del terzino scozzese, riprese dai canali societari.

Doig sui primi passi nel calcio: “La mia prima squadra professionista è stata l’Hibernians, ad Edimburgo: ci sono andato quando avevo 17 anni. La mia carriera è iniziata al Musselburgh Windsor: poi sono passato agli Hearts of Midlothian, da dove l’Hibernians mi ha prelevato e portato tra i professionisti. Questo passo a Sassuolo è stimolante: fare un altro step in Italia è bello sia per me che per la mia famiglia”.

Sulla Scozia: “Le sfide più importanti riguardano il lato fisico: ho esordito a 18 anni ed è stato un po’ uno shock, anche perché nelle prime cinque partite abbiamo affrontato Celtic e Rangers. L’esordio assoluto è stato contro il Kilmarnock, senza tifosi: è stato strano ma più facile, ho fatto bene. Giocare contro top players che vedevo tutte le settimane in tv è stato stimolante. I ricordi principali sono con mio padre in giardino: quando ho iniziato a camminare volevo subito la palla tra i piedi. Lanciava la palla in alto e lavoravo sul mio controllo: penso che abbia messo più impegno lui di me nel mio sviluppo”.

Sull’Italia: “La mia vita è diversa da quella in Scozia. Venire qua è stata la scelta migliore della vita: mi sono goduto ogni attimo, ci sono stati alti e bassi ma poi arrivano i momenti positivi. Crescendo ho guardato spesso la Serie A: per lui vedermi giocare qua è fantastico. E’ uno dei campionati più importanti al mondo, farne parte è già un traguardo incredibile. Il mio primo gol? Era il giorno del debutto da titolare, un giorno particolare: la mia famiglia era in tribuna e ho potuto festeggiare davanti a loro”.

Doig sulle sue caratteristiche: “Sono un difensore potente, con chiara vocazione offensiva: mi piace spingermi più in là possibile ma in Italia ho capito che c’è anche da difendere. Qui la fase difensiva viene curata ossessivamente. Giorno dopo giorno sto imparando i ruoli: ho giocato esterno basso e terzino sinistro. Amo imparare e cogliere più cose possibili dai miei allenatori”.

josh doig
foto: sassuolocalcio.it

Sul Sassuolo: “E’ sempre stata una squadra difficile da affrontare, con giocatori di qualità. Giocando sulla sinistra in difesa mi sono ritrovato spesso contro Berardi, è stato un incubo. Lui è fortissimo ma la squadra ha qualità in ogni settore: essere qui è eccitante. Il primo allenamento è stato intenso sia per ritmo che dal punto di vista fisico. I primi giorni sono andati alla grande: io e la mia ragazza stiamo cercando un posto dove stabilirci. A livello calcistico, tutti mi hanno accolto in maniera stupenda al centro sportivo. Provo a parlare italiano più possibile, ma ci sono tanti ragazzi che parlano inglese. L’allenatore, lo staff e la società mi hanno fatto sentire subito a casa”.

Sulla lotta salvezza: “E’ una zona emozionante ma allo stesso tempo difficile in cui trovarsi. Nella mia esperienza in Serie A ho passato la maggior parte del tempo in queste zone e so che ogni partita è importante per fare punti. Qui a Sassuolo c’è una nuova sfida: sono sicuro che ci salveremo. Ogni partita è stimolante, qualcosa su cui puntare: non vedo l’ora di entrare in campo per le prime partite in neroverde”.

Sulla Nazionale: “Vedo la convocazione come una sorta di bonus: la Scozia è forte sulla fascia mancina, ci sono tanti giocatori esperti e di qualità quindi capisco se non vengo schierato. Sono felice però di essere il capitano dell’Under 21. Sono in contatto con Ferguson del Bologna: si è complimentato con me per il trasferimento. La mia fidanzata è molto amica della sua e sono felice che siamo più vicini: ci troveremo più spesso. E’ un altro giocatore che sta dimostrando quanto stia crescendo il calcio scozzese”.

Segui CS anche su Instagram!

Sul Monza: “Domenica sarà una nuova sfida, che sia in campo o in panchina. Amo adattarmi a situazioni che cambiano: ho già giocato contro il Monza e so cosa può fare, è una squadra che lavora tanto ma dalle qualità che ho visto in allenamento penso che abbiamo tutto il necessario per vincere”.

Sui giovani: “La cosa più difficile per un giovane è mantenere fiducia in se stessi. Se ci sono giocatori più esperti in rosa, devi pensare di essere migliore di loro a prescindere dall’età. Credo sia fondamentale per un ragazzo. A volte possono venirti dei dubbi, ma devi credere costantemente in quello che stai facendo se vuoi essere il migliore e giocare ogni settimana”.

Doig sui propri passatempi: “Mi piace il golf, come a molti scozzesi: all’Hibernians avevamo intere giornate libere dedicate al golf. Sono riuscito a giocare alcune volte a Verona e credo che anche qui a Sassuolo qualche compagno giochi: dovremmo organizzare una partita”.

Riguardo Gabriele Boscagli

Deluso dalle big fin dalla giovanissima età, si è affezionato al Sassuolo e non lo ha più lasciato. In redazione è il pilastro del settore giovanile.

Potrebbe Interessarti

Sassuolo-Napoli biglietti

Sassuolo-Napoli: info biglietti, prevendita e prezzi del Mapei Stadium

Il Sassuolo Calcio ha comunicato i prezzi dei biglietti di Sassuolo-Napoli, gara di recupero della …