lunedì , 27 giugno 2022
Home / Notizie Neroverdi / Insieme è meglio? Contro lo spezzatino indigesto

Insieme è meglio? Contro lo spezzatino indigesto

Radiolina nella mano e tutti a casa per le 18, che inizia 90° minuto. Chi non è giovanissimo sicuramente si potrà riconoscere in questa domenica. Per gli appassionati di calcio, una domenica tipica fino a qualche anno fa, quando i diritti televisivi hanno iniziato a dettare legge nel mondo del pallone. Le giornate-spezzatino sono ormai diventate la norma: e pensare che negli anni ’90 ci si limitava a dover attendere la domenica sera per poter seguire l’unico posticipo della giornata ed avere quindi un quadro completo dell’aggiornamento della classifica. Come sappiamo non è più così, ma il sabato santo ha portato una parziale benedizione in questo senso: tutte le partite della serie A sono state giocate lo stesso giorno. Ha aperto Roma-Napoli alle 12.30 e la rassegna degli incontri è stata chiusa da Juventus-Empoli, in serata. Quasi un miraggio per chi ricorda con nostalgia i tempi in cui tutti i tifosi palpitavano contemporaneamente (o quasi) seguendo in modo febbrile le gesta della propria squadra.

calcio-spezzatinofoto: fondazionetares.it

Come sappiamo sono in previsione grandi manovre per la serie A del futuro. Il presidente Tavecchio ha più volte affermato di puntare, nel medio termine, alla riduzione da 20 a 18 delle compagini partecipanti al massimo campionato. Non è naturalmente questa la sede per mettere in discussione queste ipotesi, che punterebbero, almeno nelle intenzioni dei dirigenti della Lega, all’innalzamento qualitativo del calcio italiano: tuttavia, è proprio in giornate come quelle di sabato che forse, ad alcuni tifosi, verrebbero in mente ben altre rivoluzioni. È forse eccessivamente “all’antica” pensare ad un ritorno al passato e, appunto, allo svolgimento simultaneo di tutti, o quasi, gli incontri? Per un attimo, sabato pomeriggio molti hanno avuto un dejà-vu che può aver strappato più di un sorriso: ben 7 partite giocate in contemporanea alle ore 15, quasi un miracolo. Il nostro eccessivo romanticismo verrà legittimamente messo a tacere dai seguaci della razionalità: il calcio è ormai un business, le televisioni, i soldi, il mercato…tutto vero, tutto giusto (forse), tutto probabilmente inevitabile. Ma sognare un ritorno alle origini, quelle stesse origini in cui la qualità del pallone tricolore era decisamente superiore e riconosciuta a livello mondiale, non costa nulla.

di Massimiliano Todeschi

 

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Massimiliano Todeschi

Giornalista fulminato sulla via di Sassuolo dopo decenni di indifferenza verso il calcio. Miracoli neroverdi.

Potrebbe Interessarti

Francesco Magnanelli

Francesco Magnanelli in bici sui passi storici con il suo gruppo di amici sassolesi

Francesco Magnanelli ha appeso gli scarpini al chiodo lo scorso 22 maggio, in occasione di …