martedì , 26 maggio 2020
Home / Campionato / I numeri di Sassuolo-Fiorentina 1-2: se si alza il tasso tecnico degli avversari il Sassuolo cade
lecce-sassuolo precedenti

I numeri di Sassuolo-Fiorentina 1-2: se si alza il tasso tecnico degli avversari il Sassuolo cade

Dov’è finito quel Sassuolo che rappresentava una vera e propria spina nel fianco delle “big” del campionato di Serie A? Quello di quest’anno ha più volte dimostrato di saper fare il risultato contro le squadre sulla carta alla pari o più limitate dal punto di vista della qualità e della tecnica (vedi Spal, Sampdoria e Verona), ma non ha ancora raccolto punti quando gli avversari sono detentori di un tasso tecnico/qualitativo superiore alla media del campionato. Anche se contro la Fiorentina i neroverdi hanno toccato con mano la possibilità di portare a casa il bottino pieno, si sono visti scivolare via i tre punti più per demeriti propri che per merito di una Fiorentina che ha brillato soltanto nella ripresa. Tanti i rimpianti per l’occasione clamorosa fallita nel finale da Marlon. Salta all’occhio un dato piuttosto significativo: su 9 partite giocate il Sassuolo non ha mai pareggiato ed è tuttora l’unica in squadra del torneo a non aver ancora portato a casa un pari. Tre vittorie e 6 sconfitte, non certo un cammino positivo, la classifica parla chiaro e la zona retrocessione dista solamente due lunghezze… Senza contare che il fattore continuità non fa parte del vocabolario neroverde da tempi immemorabili:  non si vince due incontri consecutivi da settembre 2018.

Foto: Sassuolocalcio.it (L’autore del gol del Sassuolo Boga; alle spalle l’ex Boateng)

Leggi anche > SASSUOLO-FIORENTINA 1-2: COME PASSARE DALL’ESALTAZIONE ALLO SCONFORTO

Curiosità > Il Sassuolo ha vinto solo una delle nove gare disputate tra le mura amiche la sera del mercoledì da quando gioca nella massima serie, perdendo le due sfide più recenti. Boga segna il suo secondo gol stagionale dopo quello siglato contro l’Inter ed ha partecipato attivamente a tre segnature negli ultimi tre turni di campionato (2 gol e un assist). Le ultime due volte in cui il Sassuolo venne agganciato e rimontato nel risultato dopo essere passato in vantaggio risalgono al finale della stagione scorsa: Torino-Sassuolo 3-2 (in vantaggio per due volte poi rimontato e superato) e Atalanta-Sassuolo 3-1 (neroverdi avanti nel punteggio fino al 35° poi rimontati e travolti dai nerazzurri). Posto da titolare per il grande ex di turno Kevin Prince Boateng, che colpisce un palo nel corso dei primi minuti per poi sparire dai radar nel corso del match; l’altro ex Pol Lirola è fermo per un problema fisico. Assente anche la stella Franck Ribéry, che sconta la prima di tre giornate di squalifica comminategli dal giudice sportivo in seguito alla brutta reazione nei confronti dell’assistente dell’arbitro Guida durante Fiorentina-Lazio.

Foto: Sassuolocalcio.it (Tolta la squalifica a capitan Magnanelli dopo la multa pagata in seguito alle presunte frasi blasfeme in Verona-Sassuolo)

I numeri del match > “Non sono preoccupato, voglio morire giocando. Non credo sia giusto snaturare il nostro modo di giocare anche  a costo di perdere”. Queste le parole di mister De Zerbi nel post partita, parole che lasciano spazio a qualche perplessità, ma che denotano la grande determinazione di un allenatore che fa della fase di possesso palla una delle caratteristiche cardine delle sue squadre: anche contro i viola il Sassuolo comanda complessivamente il dato relativo al possesso palla (53%, accuratezza passaggi dell’83% e 349 passaggi riusciti). Sono 6 i tiri totali scagliati dai neroverdi (di cui 5 nello specchio della porta), 10 quelli della Fiorentina (8 nello specchio). Boga e Castrovilli i più ispirati, quest’ultimo man of the match con gol e assist. Falli commessi: Sassuolo 15, Fiorentina 20; assist: Castrovilli, Venuti; corner: Sassuolo 3, Fiorentina 7; ammonizioni: Sassuolo 3, Fiorentina 4.

Foto: Sassuolocalcio.it (Spazio a Defrel nel finale, qui alle prese col terzino ex inter Dalbert)

La parola d’ordine da qui a domenica sarà “Vincere”, questo è ciò che è chiamato a fare con urgenza il Sassuolo contro un Lecce reduce da un periodo di forma smagliante: nelle ultime due giornate i pugliesi sono stati capaci di fermare sul pari prima il Milan a San Siro poi la Juventus in casa. Sarà dunque tutt’altro che una passeggiata ma non ci sarà spazio a scuse, il Sassuolo ha bisogno dei tre punti per scacciare quei fantasmi che, in periodo di Halloween, preoccupano mettono sotto pressione l’ambiente.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Andrea Manderioli

Andrea Manderioli
La favola del Sassuolo lo ha fatto appassionare al calcio. Possiede un archivio personale di dati statistici da lui raccolti e organizzati sul Sassuolo dell'era Mapei. Blogger e collaboratore presso un giornale locale con la passione di raccontare il mondo neroverde anche attraverso i numeri.

Potrebbe Interessarti

Consiglio Federale FIGC: Serie A, B e C ripartiranno. Fine stagione il 31 agosto

Nella giornata di ieri, si è svolto un importante Consiglio Federale in FIGC: si è …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi