martedì , 29 settembre 2020
Home / Campionato / Focus on Atalanta-Sassuolo: precedenti, curiosità e gli ex della gara

Focus on Atalanta-Sassuolo: precedenti, curiosità e gli ex della gara

Dopodomani si gioca Atalanta-Sassuolo, sfida valida per la terza giornata di campionato. Il Sassuolo si trova attualmente ad un punto in classifica, guadagnato contro il Genoa nel primo match della stagione, mentre i nerazzurri di Gasperini sono ancora a zero, per via delle sconfitte rimediate contro Napoli e Roma.

Il bilancio dei precedenti tra le due squadre è favorevole ai bergamaschi: in 12 partite tra serie A, serie B e Coppa Italia hanno vinto la metà delle volte. Due volte l’ha spuntata il Sassuolo ed altre due è finita in pareggio. Se contiamo le sole sfide in serie A, il bilancio è di perfetta parità: 2 vittorie a testa e 4 pareggi. All’Atleti Azzurri d’Italia, i numeri si ripetono in proporzione, con una vittoria per parte e due pareggi.

Leggi anche > VALORE DELLE ROSE DI SERIE A: SASSUOLO A META’ CLASSIFICA

Marcatori più prolifici della sfida sono German Denis per i nerazzurri (ora al Lanus, in Argentina) e Domenico Berardi per gli emiliani, entrambi con tre reti segnate a testa.

Lo scorso anno, dopo lo 0-3 dell’Atalanta al Mapei Stadium, nel match di ritorno gli allora uomini di Di Francesco riuscirono a bloccare i lombardi sull’1-1 (gol di Pellegrini e poi pareggio dell’Atalanta con Cristante).

I due tecnici, Gasperini e Bucchi non si sono mai sfidati in una partita ufficiale. Il primo ha affrontato il Sassuolo 8 volte, vincendo la metà degli scontri (poi due pareggi e due sconfitte). Una sola volta, invece, Bucchi ha affrontato l’Atalanta, nella breve e deludente esperienza pescarese, conclusasi con una sconfitta nella sua partita d’esordio sulla panchina abruzzese.

Leggi anche > CARNEVALI: “IL NAPOLI? NON ABBIAMO VOLUTO CEDERE BERARDI”

Sono quattro gli ex della partita: Jasmin Kurtic da un lato, Andrea Consigli, Federico Peluso e Davide Biondini dall’altro.

Biondini ha disputato a Bergamo la stagione 2013-14 in prestito dal Genoa, firmando 24 presenze. In nerazzurro non raggiunse i livelli sperati, probabilmente a causa di un utilizzo tattico non ottimale. Peluso, invece, passò all’Atalanta dall’altra squadra cittadina, l’Albinoleffe, nel mercato invernale del 2008-09. In nerazzurro il difensore guadagnò un posto da indiscusso titolare, la convocazione e l’esordio in nazionale e, nel gennaio 2013, la chiamata della Juventus. Con la maglia dell’Atalanta ha disputato un totale di 115 gare, firmando 4 reti e vincendo il campionato di serie B 2010-11.

Leggi anche > GLI STIPENDI DEI CALCIATORI DEL SASSUOLO 2017-18

Federico Peluso e Andrea Consigli ai tempi dell’Atalanta (foto: Claudio Villa)

Consigli, invece, ha fatto a Bergamo tutta la trafila delle giovanili, facendo da terzo portiere dei nerazzurri durante la stagione 2005-06 in serie B. Dopo aver passato due stagioni in prestito alla Sambenedettese e al Rimini, nel 2008 tornò alla base dove, partito come secondo, nel girone di ritorno riuscì a strappare la maglia da titolare a Ferdinando Coppola. Ha quindi difeso la porta degli orobici fino all’estate del 2014, quando si è trasferito al Sassuolo. Con la maglia della prima squadra dell’Atalanta, Consigli ha disputato sette stagioni, giocando la bellezza di 201 partite tra serie A e B e guadagnando anche la sua prima convocazione in nazionale maggiore, con la quale tuttavia non ha ancora esordito. Nella sua lunga carriera in nerazzurro ha portato a casa un Campionato nazionale nella categoria Giovanissimi, oltre a due Campionati di Serie B con la formazione maggiore.

In casa orobica c’è Jasmin Kurtić, che in Emilia ha giocato la prima parte della stagione 2013-14. Il centrocampista sloveno arrivò in neroverde in compartecipazione dal Palermo, andando via in prestito al Torino durante il mercato invernale del 2014. Tornato dall’esperienza granata, il Sassuolo ne acquisì anche l’altra metà del cartellino, ma lo rispedì subito in prestito alla Fiorentina. Non riscattato dai viola e tornato in neroverde nell’estate 2015, non gli fu dato il tempo di disfare le valigie che l’Atalanta lo acquistò a titolo definitivo per 3,5 milioni di euro. La sua breve parentesi in neroverde si concluse così con 20 presenze tra campionato e Coppa Italia.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

I numeri di Spezia-Sassuolo 1-4: Caputo vede i 40 gol in Serie A

La prima vittoria del Sassuolo 2020/2021 non ha tardato ad arrivare: alla seconda uscita stagionale, …