sabato , 24 Febbraio 2024
dionisi conferenza sassuolo genoa
foto: sassuolocalcio.it

Dionisi verso Sassuolo-Fiorentina: “Importante uscire dalla negatività, giocheremo per vincere”

Mister Alessio Dionisi ha rilasciato le consuete dichiarazioni pre-gara alla vigilia di Sassuolo-Fiorentina. L’ultima giornata del girone di andata sarà ancora una gara chiave per i neroverdi, reduci dall’eliminazione dalla Coppa Italia ad opera dell’Atalanta.

Il tecnico fa il punto sui giocatori che torneranno a disposizione: “Abbiamo recuperato Erlic, mentre Matheus Henrique sta stringendo i denti e contro l’Atalanta non l’ho portato per farlo rifiatare. Al di là di chi ci sarà l’unico ostacolo siamo noi: la Fiorentina è una squadra costruita per giocare bene e raccogliere successi su due fronti e lo sta facendo. Dobbiamo liberare la testa da negatività e influenze esterne. Contro il Milan abbiamo mostrato di poter mettere in difficoltà anche grandi squadre e lo potremo fare anche contro i viola, fermo restando che non siamo in un momento positivo e dobbiamo dimostrarci lucidi. Lavoriamo sempre per andare oltre il risultato ma la prestazione non può bastare, mentirei se mi mostrassi soddisfatto delle sole prestazioni. Può accadere che ci siano alcuni stop durante la stagione: ora sta a noi tirare fuori le nostre qualità tecniche senza essere abbattuti, anche se servono anche le qualità mentali”.

Leggi anche > BUONE INDICAZIONI DA MISSORI E VOLPATO DOPO LA COPPA ITALIA

Quali armi per poter fare risultato contro gli uomini di Italiano? “Questo momento ci può permettere di tirare fuori la nostra mentalità, volendo portare via la palla agli avversari quando ne sono in possesso. Nell’ultima gara di campionato abbiamo fatto una buona fase difensiva ma dobbiamo farlo in tutte le partite mettendoci sempre in discussione, dal momento che non stiamo ottenendo i risultati che vogliamo. Giocheremo per vincere e non per speculare, anche se la Fiorentina è una squadra forte e quarta in classifica con merito, oltre che in ottima salute. Le nostre caratteristiche possono emergere solo con la presunzione di poter battere i nostri avversari e giocheremo a viso aperto, il che ci può dare e ci può togliere”.

La gara di Coppa Italia e le prospettive di classifica sono un altro punto affrontato da Dionisi: “Contro l’Atalanta avevamo 40 anni in meno dei nostri avversari, il che è importante sul versante dell’esperienza. I giovani che hanno giocato hanno convinto cogliendo l’opportunità, il che ci porta ad avere una maggiore possibilità di scelta per le prossime gare. Credo però che dobbiamo uscire dalla negatività e sono convinto che ce la faremo: non faremo 21 punti in 7 partite e dobbiamo capire che questo è il nostro campionato, con qualche punto in più o in meno. La parte destra della classifica è il nostro livello, io devo cercare di alzarlo senza però eccedere con le aspettative iniziali anche se abbiamo oggettivamente ottenuto meno di quel potevamo e meritavamo di fare”.

I troppi gol subiti stanno segnando la stagione del Sassuolo: “Dobbiamo crederci e riprenderci quel che ci meritiamo, migliorando soprattutto la differenza reti: ci sono stati errori individuali ma non è colpa di un singolo. Le responsabilità sono sempre condivise, abbiamo preso qualche gol di troppo il che va a impattare su tutto, dal giudizio esterno alla classifica. Portiere e difensori devono però partecipare alla costruzione del gioco, il calcio moderno lo chiede e siamo molto in alto in classifica come occasioni create, ma molto in basso con reti subite e quindi dobbiamo migliorare la fase difensiva, di squadra e individuale. Non saremo mai una squadra da 0-0 o che difenderà l’1-0, ma nel contempo dobbiamo essere capaci di andare oltre il caso di Empoli: non è possibile fare sempre 4 gol avendone presi 3. Negli ultimi 10 minuti si determinano molte partite, non solo in Italia. Dobbiamo quindi migliorare l’atteggiamento difensiivo in allenamento, anche se abbiamo avuto decisamente molte assenze per una squadra del nostro livello e anche questo non ci ha permesso di ottenere qualche risultato in più attraverso qualche gol subito in meno”.

Il mister non si sbilancia sulle trattative di calciomercato in corso: “Circa il mercato parlo direttamente con la Società, che opererà se lo ritiene opportuno. Abbiamo comunque le risorse per raggiungere i nostri obiettivi di fine stagione”.

Riguardo Massimiliano Todeschi

Giornalista fulminato sulla via di Sassuolo dopo decenni di indifferenza verso il calcio. Miracoli neroverdi.

Potrebbe Interessarti

Post Sassuolo-Empoli 2-3, Ferrari: “Serve unità per uscire da questi momenti”

Il capitano neroverde Gian Marco Ferrari, autore del gol del momentaneo 2-2, analizza la sconfitta …