domenica , 4 Dicembre 2022
dionisi dopo napoli sassuolo
foto: sassuolocalcio.it

Dionisi prima di Sassuolo-Napoli: “Dovremo dimostrare di essere cresciuti”

Prima di Sassuolo-Napoli, Alessio Dionisi ha fatto il punto in conferenza stampa. Queste le parole raccolte da SassuoloChannel:

Una partita difficile che arriva dopo la vittoria di San Siro: “Ho parlato con la squadra nel primo allenamento post Milan. Abbiamo parlato di attenzione, di fase difensiva… delle cose che abbiamo sottolineato e che non sempre ci sono state. Ne siamo consapevoli e non sempre siamo riuscite a riportarle nella partita. Col Napoli dovremo dimostrare di essere cresciuti da questo punto di vista”.

Un passaggio su Henrique: “Matheus si è ritagliato spazio sgomitando e meritando. Sono contento per lui perché ha fatto un’ottima prestazione. È uscito un po’ malconcio dalla partita di San Siro dopo un contrasto. Dobbiamo valutare e vedere come sta. Ma a centrocampo abbiamo varie opzioni, abbinando giocatori di qualità e giocatori intensi per rendere il gioco meno prevedibile e più fluido”.

Leggi anche > I PRECEDENTI DI SASSUOLO-NAPOLI

Il Sassuolo si concentra sulla partita: “Ci concentriamo molto sul gioco. Spesso si fa gol su una riconquista, una riaggressione, una palla persa riconquistata. Siamo stati bravi a Milano, dove non abbiamo sempre aggredito alti. Anche le qualità del Napoli forse non ce lo permetteranno. Se riusciamo a essere compatti, se saremo squadra senza palla saremo bravi anche a ritrovarci con la palla”.

Un altro passaggio su Scamacca: “Gianluca è un giocatore bravo. Siccome di alcuni giocatori si parla tanto, un allenatore deve farlo un po’ meno. Ce l’ho con me tutti i giorni. Sono bravi ragazzi che vogliono mettersi in discussione e migliorarsi ad ogni allenamento. Supportarli vuol dire anche non parlare di loro o parlarne meno”.

Di fronte ci sarà un maestro del calcio italiano: “Non vedo l’ora di conoscere Spalletti, lo apprezzo per la grande personalità che ha e i grandi risultati che ha ottenuto e sta ottenendo. Come lui, ho avuto la fortuna di passare da Empoli. Come lui sono toscano. Sarà un piacere stringergli la mano, poi dopo per fortuna giocano le squadre”.

Di fronte un grande avversario: Il Napoli non lo devo spiegare io. Ha giocatori importanti. Mertens sta trovando continuità e non avevo dubbi sulla sua efficacia. Allunga le squadre avversarie. Il Napoli giocava bene prima e gioca benissimo ora. È bello affrontare squadre che giocano a viso aperto. Noi vogliamo giocare così. Questo ci dà più possibilità. Il Napoli è a livello molto superiore al nostro. Sulla tattica, per ora continuiamo così, ma non ci precludiamo la possibilità di cambiare, adeguandoci alla partita e alla qualità dei giocatori. Abbiamo raggiunto un buon equilibro, ma lo stavamo già raggiungendo a prescindere dai risultati”.

Boga non partirà dall’inizio: “Boga lo valuteremo dopo gli allenamenti, ma non lo rischieremo. Ci riserviamo di valutarlo”.

Un commento finale sulla classifica: “Ad oggi ci meritiamo la classifica che abbiamo, che era quasi insperata prima di Milano. Dobbiamo meritarci quello che abbiamo ottenuto, fermo restando che sappiamo che abbiamo ottenuto meno di ciò che abbiamo fatto. Ma non è sfortuna. Ognuno ha quel che si merita”.

SEGUICI ANCHE SU INSTAGRAM

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giornalista beneventano ma neroverde, mancino e grafomane. Sempre attento a tutto ciò che gli cambia attorno, ma con leggerezza. Prova a dare la sua visione sul mondo del Sassuolo

Potrebbe Interessarti

focus junior traorè

Sassuolo, il punto alla sosta: quando vedremo il miglior Traorè?

E’ dedicato a Hamed Junior Traorè, il terzo degli approfondimenti sui giocatori del Sassuolo alla …