mercoledì , 21 ottobre 2020
Home / Interviste / De Zerbi prima di Sassuolo-Inter: “La motivazione spinge la squadra. Tutto il resto è secondario”
de zerbi parma-sassuolo 1-0
foto: foxsports.it

De Zerbi prima di Sassuolo-Inter: “La motivazione spinge la squadra. Tutto il resto è secondario”

Ecco la conferenza stampa di mister Roberto De Zerbi in vista di Sassuolo-Inter. Ecco le sue parole:

Buongiorno mister. Dopo due settimane si torna a giocare. Come sta la squadra?Sono state due settimane particolari. Ci dispiace per quello che è successo al nostro Patron. Ci siamo allenati bene, ma abbiamo perso dei nazionali durante la sosta. Bruciano ancora le ultime due sconfitte, abbiamo voglia di rifarci e di ritornare ad essere la squadra vista contro la Samp e la Spal”.

Contro l’Inter, una squadra forte: “Fortissima! Lo ha dimostrato con Barcellona e Juventus. Il campionato è molto equilibrato. Non esistono partite facili. Lo dimostra la classifica. Pure le neopromosse mettono in difficoltà le altre squadre”.

Gli indisponibili: “Abbiamo una lista lunga. Da Pegolo che si è fatto male contro l’Atalanta, a Ferrari, Chiriches, Mazzitelli, Bourabia. La squadra è forte al di là delle mancanze. Possiamo sopperire alle varie assenze. Le assenze le hanno anche le altre squadre. Spiace perché preferisco fare le scelte con organico completo. Chiriches, Ferrari e Rogerio, tutti dello stesso reparto, saranno a lungo fermi”.

Djuricic: “Non è mai stato a disposizione. Ha avuto diversi problemi fisici, dal secondo giorno di ritiro. Adesso sta bene, voglio farlo giocare o dall’inizio o da gara in corso. Domani è convocato il difensore centrale 2002 Piccinini”.

Sassuolo bestia nera dell’Inter: “Sappiamo che abbiamo fatto spesso bene contro l’Inter. Il rispetto dell’avversario c’è sempre. Sappiamo la loro forza. Non dobbiamo avere pressioni e nessuna paura. Sappiamo che il nostro percorso per arrivare a trovare una quadra finale non è facile e immediato. Sappiamo che la squadra è forte e che potrà realizzare un ruolo importante. Quale non so. Detto questo un inizio non brillante non mi fa cambiare idea”.

Su cosa avete lavorato di più? L’ultima nostra sconfitta è stata terribile. Tanto da migliorare, ma abbiamo fatto anche del bene. Parma e Atalanta le abbiamo sbagliate completamente, Roma abbiamo fatto moltissimi errori, ma alcune cose le abbiamo fatte bene. Poi abbiamo giocato perfettamente contro Spal e Sampdoria. Abbiamo alternato troppo. Prestazioni favolose e delle altre dove non ci siamo salvati in niente. La motivazione è quello che spinge la squadra. Tutto il resto è secondario. L’aspetto fisico, tecnico-tattico è secondario. Se giochi bene con la testa allora migliora anche l’aspetto fisico, tecnico e tattico”.

Come giocare con l’Inter: “Prendendoli alti puoi essere bucato. Mi aspetto una squadra che giochi convinta di fare il risultato, l’Inter. Noi dobbiamo sapere cosa dobbiamo fare. Sappiamo di essere inferiori, ma non è mai detto”.

Gerarchie nei trequartisti: “Djuricic, Locatelli, Boga, Defrel, Traorè possono fare quel ruolo. L’Inter è forte, in 12/13 non si può giocare. Farò le mie scelte”.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Federico Anarratone

Federico Anarratone
Chi in Liguria tifa Sassuolo? Forse solo lui! Fede è di Genova, folgorato dai colori neroverdi durante un Sampdoria-Sassuolo gara playoff del 2011/12, da quel momento per lui esiste solo la squadra di Piazza Risorgimento.

Potrebbe Interessarti

Kyriakopoulos: “Anche noi possiamo seguire le orme dell’Atalanta, ma un passo alla volta”

Intervistato da TuttoSport, Giorgos Kyriakopoulos ha parlato del suo bel momento personale e del grande …