lunedì , 28 maggio 2018
Home / Campionato / Verso Milan-Sassuolo, Iachini: “Gattuso ha grande mentalità, andiamo a San Siro per giocarcela”

Verso Milan-Sassuolo, Iachini: “Gattuso ha grande mentalità, andiamo a San Siro per giocarcela”

Domani sera alle 20.45 il 31^ turno di Serie A si chiuderà con Milan-Sassuolo. Gara sempre particolare per i neroverdi, che lo scorso anno furono sconfitti 4-3 dopo essere stati in vantaggio con due gol di scarto. Mister Beppe Iachini ha introdotto la gara di San Siro con la consueta conferenza stampa della vigilia.

“Lo spirito, l’organizzazione e la mentalità devono essere sempre quelli, in casa e fuori e a prescindere da chi andrà in campo” chiarisce subito il tecnico. “Quel che si mette in campo a livello di gioco deve portare a giocarsela contro tutti. A volte abbiamo raccolto quanto seminato, altre no, ma l’importante è tenere lo stesso atteggiamento per 95 minuti”.

L’avversario di domani sera ha ritrovato i risultati con l’avvento del nuovo tecnico. Gattuso è infatti subentrato a Montella a stagione in corso e ha impresso quasi subito la sua impronta sulla squadra: “Le ultime due partite sono state per noi molto intense e ci aspetta una gara molto difficile. Il Milan è una squadra con ottimi giocatori, ora con Gattuso ha trovato una mentalità e un atteggiamento che l’ha portata a raccogliere diverse vittorie. Ci vorrà un’altra partita perfetta per cercare di fare risultato. Il nuovo allenatore rossonero ha portato il suo grande attaccamento a un ambiente che conosceva bene e questo messaggio è stato recepito dai giocatori: in questo senso dobbiamo essere consapevoli di dover essere concentrati e metter eil giusto spirito, adeguato alla situazione e all’atteggiamento dell’avversario”.

Numerosi i dubbi di formazione, che Iachini per ora non scioglie: “A prescindere da chi giocherà dovremo valutare i recuperi dei singoli, è la terza partita in una settimana. Noi dobbiamo gicoarci la partita e cercare di andare al gol, com’è ovvio che sia tenendo conto dell’avversario ma in primis pensando a quel che facciamo noi. Non possiamo certo pensare di fare una gara difensiva: dall’altra parte ci sono giocatori di grande qualità che possono risolvere la gara in ogni situazione. Ogni squadra diventa figlia del proprio allenatore”.

“Contro il Chievo” conclude il mister “la doppia inferiorità numerica ha portato la squadra a tirare fuiori un grande cuore. Abbiamo visto il bicchiere mezzo pieno in alcune circostanze, siamo anche stati poco fortunati in alcune partite pur mantenendo un buono spirito. Per noi è iniziato un mini-torneo: dobbiamo preparare al meglio una gara per volta scegliendo i ragazzi più idonei a partire dall’inizio a seconda del momento psico-fisico. Ci possono essere alcuni giocatori che hanno giocato di più e possono pagare un po’ di stanchezza in questo momento: il tutto va valutato di volta in volta, considerando che ci attenderà un nuovo turno infrasettimanale tra una decina di giorni.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Massimiliano Todeschi

Massimiliano Todeschi
Giornalista fulminato sulla via di Sassuolo dopo decenni di indifferenza verso il calcio. Miracoli neroverdi.

Potrebbe Interessarti

Il commento del lunedì: dopo Sassuolo-Roma spegniamo la luce tra conferme e speranze

È stata una Sassuolo-Roma di conferme la partita che ha chiuso la stagione dei neroverdi, …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi