domenica , 18 novembre 2018
Home / Campionato / Turano (inter-news.it): “L’Inter è costretta a vincere, ma la paura è dietro l’angolo”

Turano (inter-news.it): “L’Inter è costretta a vincere, ma la paura è dietro l’angolo”

Mancano pochi giorni dalla sfida tra Inter e Sassuolo in programma sabato sera allo Stadio Meazze di Milano. In palio ci sono tre punti, molto più importanti per l’Inter che per il Sassuolo. Mentre i neroverdi hanno già avuto modo di festeggiare la salvezza nell’ultima giornata di campionato, i nerazzurri sono ancora in lotta per raggiungere il quarto posto in classifica, la qualificazione in Champions 

foto: Corriere dello Sport

Quanto sia importante questa partita per gli interisti e in che modo la squadra affronterà la sfida contro i neroverdi, lo abbiamo chiesto a chi l’ambiente nerazzurro lo vive tutti i giorni, il collega Andrea Turano di Inter-News.it, portale di riferimento dei tifosi interisti, di seguito il punto di vista di Turano su Inter-Sassuolo.

Inter-Sassuolo, cosa rispondi a quelli che parlano di “biscotto”?

Trovo che parlare preventivamente di “biscotto” sia tanto imbarazzante quanto vergognoso per la credibilità del calcio italiano, che già è poca… La cosa paradossale è che le persone che temono il “biscotto” sono tifosi laziali che ignorano il fatto che la Lazio gode di un +5 sull’Inter nella differenza reti proprio in virtù del 6-1 sul Sassuolo, che quest’anno ha perso 7-0 contro la Juventus e in passato lo stesso risultato si è verificato già due volte contro l’Inter. Queste statistiche storiche, aggiunte al fatto che il Sassuolo si è appena salvato e al bisogno dell’Inter di migliorare la propria differenza reti, dimostrano che non c’è bisogno del “biscotto” per assistere a una partita con tanti gol, ipotesi comunque tutta da verificare (non mi fido affatto…).

Sabato l’Inter affronterà in casa il Sassuolo, mentre la Lazio sarà impegnata domenica in trasferta a Crotone. Chi ha la partita più facile? Saranno queste le due gare decisive per l’accesso in Champions o si deciderà tutto nell’ultima giornata: Lazio-Inter?

In questo weekend la Lazio ha sicuramente la partita più difficile perché il Crotone è praticamente costretto a vincere per non dover sperare in un doppio regalo di fine stagione del Cagliari, mentre il Sassuolo godrà della sua prima partita con la certezza di restare in Serie A. Ovviamente questo è ciò che dice la carta, poi si sa che in campo ci si può aspettare di tutto, soprattutto dall’Inter e dal Sassuolo, che non avendo nulla da perdere potrebbe divertirsi a rendere difficile la vita ai nerazzurri. Dubito si tratti del weekend decisivo per la Champions League, credo che ci sia bisogno dei tre punti in Lazio-Inter dell’ultima giornata: l’Inter ha bisogno dei sei punti, altro che pareggio a Roma…

Leggi anche > VERSO INTER SASSUOLO: ANCORA 180 MINUTI DA GIOCARE, ANCORA TANTO DA DECIDERE

All’andata il Sassuolo vinse per 1-0, dopo quella vittoria i neroverdi non riuscirono a vincere per quasi tre mesi. Da quella partita anche i nerazzurri hanno avuto un calo, risultati altalenanti e forse troppi pareggi. Cosa è successo rispetto alla prima parte della stagione?

Nella prima parte di stagione l’Inter è andata come un treno, ma fin dal ritiro estivo, tournée in giro per il mondo comprese, di conseguenza – a causa di una rosa inadeguata per numero di giocatori e qualità delle riserve – c’era da aspettarsi un calo, che è arrivato proprio da metà dicembre in poi. Il vero problema è che il calo fisiologico ha creato una crisi mentale in cui sono venute a mancare alcune certezze e, vedendo pian piano allontanarsi l’obiettivo, l’Inter è entrata in un vortice senza uscita, anche perché dal mercato a gennaio non è arrivato nulla di immediato, anzi… La fine della crisi è combaciata con la nuova linfa portata da Rafinha e dalla maturazione di un Brozovic fino a quel momento irriconoscibile. Prima ci si illudeva sognando lo scudetto dando quasi per scontato l’accesso in Champions, adesso è rimasto solo il quarto posto, che va ancora conquistato: forse l’Inter ha realizzato tardi i propri limiti e le reali potenzialità.

Quali saranno le scelte di Spalletti in vista della sfida contro il Sassuolo?

Spalletti è un fanatico della filosofia “squadra che vince non si cambia”, ma stavolta c’è un problema da non sottovalutare: l’Inter ha cinque diffidati che rischiano di saltare lo scontro diretto decisivo in casa della Lazio. Per questo motivo potrebbero esserci delle sorprese in formazione. I sicuri titolari sono: Handanovic, Skriniar, D’Ambrosio, Brozovic, Rafinha e Icardi. In difesa, se Miranda ha recuperato, partirà titolare perché Ranocchia (prezioso sulle palle alte in caso di ricerca del gol nel finale a Roma) è diffidato, mentre Cancelo (altro diffidato) potrebbe partire dalla panchina in favore di Dalbert o giocare più avanzato al posto di Candreva (altro diffidato) per rischiare meno di beccare un cartellino in fase difensiva. Davanti alla difesa torna Vecino, che contenderà una maglia a Borja Valero, anche se l’uruguayano avrebbe bisogno di minutaggio in vista di Lazio-Inter qualora Gagliardini non recuperasse. In avanti impossibile rinunciare a Perisic (altro diffidato), quindi ci sarà, mentre il già citato Candreva potrebbe fare spazio a Karamoh. Anche Eder è diffidato, ma non sarebbe sceso in campo dal primo minuto a priori.

Chiudere il campionato al quinto posto, rappresenterebbe un fallimento?

Il quinto posto sarebbe un fallimento progettuale, non tecnico. L’Inter ha fatto troppe promesse per chiudere un’altra stagione fuori dalla Champions, ma alle parole non sono seguiti i fatti: Juventus, Napoli, Roma e Lazio hanno trovato una continuità che l’Inter si sogna e solo Spalletti ha permesso di colmare determinate lacune. Il mercato non ha aiutato né in estate né in inverno, anzi i migliori colpi sono stati praticamente casuali: Skriniar preso in un mega-affare con la Sampdoria, Cancelo arrivato in prestito per mandare via Kondogbia e Rafinha – sempre in prestito – dopo mesi di inattività per far spazio ai colpi in entrata del Barcellona. La stagione delle romane è da piazzamento Champions, quindi “accettare” il quinto posto davanti a chi ha fatto meno (Milan in particolare) ci può stare, ma l’Inter non deve assolutamente ipotizzare questo scenario: il quarto posto è vitale per le casse e per i progetti futuri, senza Champions ci sarebbe sicuramente una mini-rivoluzione che rovinerebbe quanto di buono costruito da Spalletti in questi mesi. In definitiva, sì: il quinto posto rappresenterebbe un fallimento.

Che partita ti aspetti sabato?

Come ho già detto, non mi fido affatto né dell’Inter né del Sassuolo. La cornice di pubblico spingerà la squadra a cercare il gol e la vittoria, ma la paura è dietro l’angolo: paura di fallire l’appuntamento pre-Lazio, paura di fare un intervento da possibile cartellino, paura di vincere un’altra partita e non avere comunque la certezza di giocare in Champions… Per assurdo, mi aspetto una partita della paura. L’unico elemento che può cambiare la situazione è il gol: se l’Inter andasse in rete subito, potrebbe ritrovare immediatamente le certezze di cui ha bisogno per chiudere la pratica-Sassuolo senza troppe sofferenze. Non mi aspetto una partita maschia, ma l’aggressività dovrà essere più tecnica che tattica: l’Inter è costretta a fare la partita e vincere, a prescindere dal numero di gol.

Il tuo pronostico su Inter-Sassuolo?

Non lo dico per scaramanzia, ma forse per andare controcorrente: non mi aspetto minimamente la goleada, certo ci spero, soprattutto per non soffrire fino al 95’… Sarò sintetico: dico 1-0 con gol di Icardi a metà gara. Se poi Icardi decidesse di vincere la classifica marcatori sfruttando l’assenza di Immobile a Crotone, ben venga più di una rete!

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Redazione

La redazione di Canale Sassuolo è costantemente al lavoro per fornirvi informazioni in tempo reale riguardo al Sassuolo Calcio.

Potrebbe Interessarti

Leonardo Sernicola

Sernicola operato a Pavia: sarà un lungo stop per il difensore neroverde

Leonardo Sernicola, nel pomeriggio di domenica scorsa, è stato sottoposto ad un intervento per la …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi