giovedì , 15 novembre 2018
Home / Campionato / Sassuolo-Inter, Turano (Inter-News.it): “Questo Sassuolo è il peggior ostacolo per la prima di campionato”

Sassuolo-Inter, Turano (Inter-News.it): “Questo Sassuolo è il peggior ostacolo per la prima di campionato”

In occasione della prima di campionato abbiamo sentito Andrea Turano, caporedattore di Inter-News.it, sito di informazione dedicato al club nerazzurro. Con lui abbiamo parlato di questa prima giornata, degli scambi di mercato avvenuti tra le due società e da quello che ci si aspetta nella prossima stagione.

Se non ci fosse stato il colpo Ronaldo, l’Inter sarebbe stata incoronata regina del mercato senza ombra di dubbio. E anche così è sicuramente tra le migliori. Che cosa danno a Spalletti i rinforzi arrivati quest’estate?

Il colpo Cristiano Ronaldo ha spiazzato tutti, ma c’era da aspettarsi una Juventus in grande spolvero per tentare l’all-in sulla Champions League. All’Inter questo interessa poco perché farà la sua stagione con l’obiettivo di migliorarsi: lo scudetto resta un sogno, a tratti un’utopia, ma è giusto così e vedremo come finirà… Anche se manca almeno una pedina in mezzo al campo, i nuovi acquisti hanno migliorato sensibilmente la rosa a disposizione di Spalletti a livello qualitativo e numerico, soprattutto gli ultimi due: Vrsaljko e Keita, andando a sostituire D’Ambrosio e Candreva nell’undici titolare, dovrebbero colmare la lacuna creatasi sulla fascia destra dopo il mancato riscatto di Cancelo. Nainggolan avrà il compito di far dimenticare Rafinha, anche se a Reggio Emilia dovrebbe essere Lautaro Martinez a farne le veci. La duttilità e l’esperienza di Asamoah sono note a tutti, de Vrij completa alla perfezione un pacchetto arretrato di grande livello, mentre di Politano non devo essere io a parlare: a Sassuolo lo conoscete bene, si è meritato sul campo questo salto di livello!

Ambire ad un traguardo maggiore rispetto alla qualificazione in Champions è possibile per questa Inter? Può essere una delle candidate alla vittoria finale del campionato? Ci sono le condizioni per essere competitivi anche in Europa?

Come già detto, l’Inter deve assolutamente ambire a migliorarsi, ma dal quarto posto ottenuto grazie allo scontro diretto vinto contro la Lazio fino allo scudetto ce ne passa! Già provare a partire alla pari con Roma e Napoli sarà da stimolo per cercare di fare una grande stagione in Italia, lo scudetto è argomento esclusivo della Juventus: possono perderlo solo a Torino, tutte le altre devono sperare nel passo falso, difficile da prevedere con la rosa a disposizione di Allegri (a prescindere da Cristiano Ronaldo), ma nel calcio non si sa mai… In Europa, dovendo tornare in Champions League a distanza di sette anni dall’ultima stagione e partendo dalla quarta fascia, è impensabile fare sogni in grande: già passare il girone, qualunque esso sia, potrebbe essere un’impresa. La fiducia c’è sempre, ma l’Inter non può presentarsi come candidata alla vittoria. Certo, dopo l’exploit della Roma di Di Francesco, nulla va precluso…

Leggi anche > LOCATELLI: “INTER? UN INIZIO SPECIALE”

Politano è un giocatore amatissimo dai tifosi. Sicuramente verrà acclamato al suo ritorno al Mapei. Che stagione ci si aspetta da lui?

Politano è stato un acquisto molto intelligente da parte dell’Inter, sia per la formula di trasferimento sia per il profilo di giocatore: si tratta di un ragazzo molto serio, giocatore disciplinato, preziosissimo a livello tattico e tecnicamente valido. Arriva come riserva, ma si tratta di un jolly importante: può sostituire tutti nel quartetto offensivo (soprattutto le due ali titolari), è ambidestro e sa battere i calci da fermo. Cosa chiedere di più? Le aspettative su Politano ci sono, anche perché la stagione sarà lunga e troverà spazio.

Si conosce già la formazione anti-Sassuolo? Politano troverà posto?

Spalletti ha intenzione di confermare l’ultima Inter vista in campo a Madrid contro l’Atletico di Simeone, ma deve fare alcune valutazioni sia dovute ai problemi fisici di alcuni titolari (Skriniar e Nainggolan) sia al “recupero” degli ultimi arrivati (Brozovic e Perisic). Probabilmente, oltre all’infortunato Nainggolan, Spalletti rinuncerà a tutti gli altri arrivati a ritiro praticamente concluso: Miranda, Vrsaljko, Vecino e Keita. Anche per questo Politano dovrebbe trovare spazio largo a destra, ma non è da escludere qualche sorpresa. Al momento l’undici anti-Sassuolo prevedibile è il seguente: Handanovic; D’Ambrosio, de Vrij, Skriniar, Dalbert; Brozovic, Asamoah; Politano, Lautaro Martinez, Perisic; Icardi.

Leggi anche > CALCIOMERCATO, MARLON E’ UN GIOCATORE NEROVERDE

Nell’affare che ha portato Matteo a Milano c’è stata la rotta inversa percorsa da Odgaard. Il danese ha fatto vedere buonissime cose in Primavera. In ottica futura, credi che possa mirare effettivamente a far ritorno a Milano?

Odgaard è un paradosso calcistico: è un classe ’99 a cui il Campionato Primavera stava stretto, ma era (ed è?) ancora troppo acerbo per la Serie A. E il motivo è semplicissimo: fisicamente è devastante, tecnicamente ha caratteristiche importanti per essere un centravanti vecchio stile, ma tatticamente non è ancora collocabile in Italia. La cosa più interessante è che con De Zerbi potrà crescere proprio sugli aspetti in cui ora presenta le maggiori lacune: di Odgaard non ci si può accontentare dei gol “stupidi” in area di rigore, può e deve diventare un centravanti boa capace di far salire la squadra e aiutare i compagni di reparto nella manovra offensiva. Io credo possa crescere moltissimo a Sassuolo e ambire a tornare a Milano maturo, anche se per gli attaccanti è sempre difficile fare previsioni: alcuni maturano tardi e nel frattempo sono già stati rimpiazzati da talenti più giovani… Comunque a Odgaard auguro il meglio a Sassuolo: quest’anno sarà dura ritagliarsi uno spazio visto il folto pacchetto offensivo di De Zerbi, ma sembra abbastanza motivato per provare a dire la sua.

La stagione è nuova e le squadre sono in gran parte ancora da testare. Qual è il tuo pronostico su Sassuolo-Inter?

Voglio e devo evitare assolutamente i pronostici, anche perché gli ultimi sono stati tutt’altro che “simpatici” per l’Inter. Mi limito a dire che il Sassuolo di De Zerbi rappresenta forse il peggiore ostacolo che l’Inter potesse trovarsi al debutto, specie perché in trasferta: squadra nuova, allenatore nuovo e tante insidie, forse troppe. Le sensazioni, però, devono essere positive per iniziare al meglio la stagione… e che vinca il migliore!

ringraziamo Andrea Turano di inter-news.it

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Da Benevento si è innamorato dei colori del Sassuolo. Giornalista pubblicista e laureato in Relazioni Internazionali, scrive con passione del mondo neroverde.

Potrebbe Interessarti

Chi vincerà tra Parma e Sassuolo secondo i bookmaker?

Domenica 25 Novembre il programma della 13ma Giornata del Campionato all’ora di pranzo presenta la …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi