venerdì , 15 dicembre 2017
Home / TIM Cup / E. League / Sassuolo-Cesena 1-2: fuori dalla Tim Cup per quattro minuti di leggerezza

Sassuolo-Cesena 1-2: fuori dalla Tim Cup per quattro minuti di leggerezza

Mai sottovalutare l’avversario. Si tratta di una regola d’oro della quale bisognerebbe più volte fare tesoro. Specie quando si tende a subire rimonte. Ogni volta che il Sassuolo sembra aver imparato la lezione qualcosa va storto. E stavolta gli uomini di Di Francesco pagano un prezzo alto, ritrovandosi fuori dalla Coppa Italia dopo soltanto una partita giocata.

Il Cesena è stato capace di eliminare, di fila, Arezzo, Ternana, Empoli e Sassuolo. I romagnoli sono una squadra che nel campionato di B sta stentando e che lotta per non retrocedere in Lega Pro, che in trasferta non vinceva dal 29 novembre: guarda caso quando espugnò a sorpresa il Castellani, mandando a casa un’altra squadra di serie A.

Leggi anche > POST SASSUOLO-CESENA, DI FRANCESCO: “PERSO PER DEMERITI NOSTRI”

foto: ansa
foto: ansa

Il Sassuolo si trova in vantaggio dopo solo quattro minuti. Da calcio d’angolo, Agazzi respinge un tiro di Politano, ma Pellegrini è lì, rapace, e la mette in rete. Poi, sembra ordinaria amministrazione. E invece no. Il Cesena ci prova e Antei tocca il debuttante Cocco in area: rigore per il Cesena. Forse l’attaccante bianconero aveva accentuato la caduta e sul penalty resta più d’un dubbio. Ma il calcio non si fa con i “forse” e dal dischetto Ciano non sbaglia.

Ma se una cosa va male, può andare anche peggio e, all’85’, tocca all’ex di turno: pescato da Balzano, Karim Laribi insacca Pegolo e porta i romagnoli in vantaggio. Quattro fatali minuti di leggerezza. Signore e signori, il pronostico era sbagliato: ai quarti ci va il Cesena.

Leggi anche > LE PAGELLE DI SASSUOLO-CESENA: ALTRA RIMONTA SUBITA

foto: ansa
foto: ansa

Pegolo, purtroppo, ha subito due gol senza poter far nulla, dopo una partita trascorsa senza alcuna parata. Spento Defrel, che aveva sostituito un Iemmello particolarmente sprecone. Maluccio anche Ragusa e Adjapong, mentre il giovane Dell’Orco si è dimostrato capace di alternare qualità ed imprecisione fatale.

Intanto è finita così. Tutto male, sembra. Fuori dalla Coppa Italia, ora bisogna concentrarsi solo e soltanto sul campionato. Risalire quella dannata classifica il più possibile e mettere a tacere tutte le perplessità che, di volta in volta, non stentano ad emergere.

GUARDA ANCHE: .

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Da Benevento si è innamorato dei colori del Sassuolo. Giornalista pubblicista e laureato in Relazioni Internazionali, scrive con passione del mondo neroverde.

Potrebbe Interessarti

sassuolo bari esultanza

Sassuolo-Bari 2-1: guardiamo al bicchiere mezzo pieno

Quella del Mapei Stadium è stata una partita di Coppa Italia e come tale va presa. Ma a fine partita il mister ha detto di voler guardare al bicchiere mezzo pieno. Così faremo, cercando di individuare gli elementi positivi della vittoria arrivata ieri a Reggio Emilia, in una Sassuolo-Bari al cardiopalma.

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi