martedì , 22 gennaio 2019
Home / Campionato / Il commento di Roma-Sassuolo 3-1: la strada è ancora lunga

Il commento di Roma-Sassuolo 3-1: la strada è ancora lunga

Inutile nascondersi dietro a un dito: Roma-Sassuolo ha portato grossa delusione ai tifosi neroverdi. Un Boxing Day da dimenticare al più presto, che ha visto una squadra molle, poco motivata e che ha seriamente rischiato l’imbarcata. Non è una disgrazia perdere contro una squadra che lo scorso anno ha raggiunto la semifinale di Champions League e ha una rosa ben più competitiva di quella neroverde: le modalità con cui è arrivata questa sconfitta lasciano però l’amaro in bocca.

Dopo i primissimi minuti di equilibrio, con il mai domo Berardi a cercare la rete dalla distanza approfittando di una distrazione di Olsen, il rigore (discutibile) concesso da Giacomelli ha spianato la strada ai giallorossi di Di Francesco senior. Inutile però appellarsi a vere o presunte sviste arbitrali: l’attesa reazione, di fatto, non c’è stata e anche l’episodio del non gol per pochi millimetri lascia il tempo che trova. Le sbandate difensive sono state a tratti paurose e il secondo gol romanista, ad opera di Schick, è il frutto di una colossale voragine che ha aperto il campo all’attaccante avversario, consentendogli di infilare Consigli.

Fonte: sassuolocalcio.it

 

Nella ripresa poco o nulla è cambiato: il 3-0 di Zaniolo, che si è fatto beffe di un Ferrari in giornata decisamente poco felice, ha solo messo il punto esclamativo su una vittoria più che meritata per la compagine capitolina. Solo le parate del già citato Consigli hanno permesso al Sassuolo di non portare a casa un passivo ancor più pesante, e la rete nel finale di Babacar, evanescente per larghissimi tratti del match, vale solo per le statistiche.

Mister De Zerbi, nel dopo partita, ha ammesso le proprie responsabilità dovute a scelte di formazione che alla prova dei fatti si sono rivelate errate. Il ripropore Marlon terzino, dopo la non positiva sperimentazione di Parma, è apparso effettivamente un azzardo e la precipitosa sostituzione Lemos-Lirola tra un tempo e l’altro ha quantomeno tentato di rimettere in sesto una partita purtroppo già compromessa. Probabilmente il tecnico neroverde ha voluto preservare alcuni elementi, Sensi su tutti, per risparmiare le loro forze in vista del match di sabato contro l’Atalanta. La prossima gara appare sulla carta più abbordabile, anche viste le molte energie spese dagli orobici nel match pareggiato contro la capolista Juventus.

Ci dobbiamo dunque attendere ulteriori cambi di schieramento già dall’ultima giornata di un girone di andata da ritenere comunque positivo. Altrettanto chiaro il fatto che questa squadra ha ancora bisogno di tempo per puntare ad obiettivi più ambiziosi rispetto a quelli consueti e, ancor prima, per trovare un reale equilibrio. Non tutti gli interpreti hanno finora dimostrato adeguata continuità e, pur di fronte ad un numero esiguo di sconfitte (5 su 18 partite), peccare di presunzione a questo punto della stagione sarebbe un peccato mortale.

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Massimiliano Todeschi

Massimiliano Todeschi
Giornalista fulminato sulla via di Sassuolo dopo decenni di indifferenza verso il calcio. Miracoli neroverdi.

Potrebbe Interessarti

Focus on Sassuolo-Cagliari: precedenti, curiosità e gli highlights dell’andata

Su Sassuolo-Cagliari precedenti, curiosità e gli highlights dell'andata. Ecco tutto quello che c'è da sapere sul match

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi