mercoledì , 26 settembre 2018
Home / Notizie Neroverdi / Di Berardi e d’azzurro

Di Berardi e d’azzurro

Il calcetto
Un giorno di calcio a 5 qualunque, un sedicenne qualunque, nel lontano 2010, stava per diventare Domenico Berardi. Non che non lo fosse già, il talento è qualcosa di scritto nel dna, ma fu un osservatore del Sassuolo a regalargli il sogno di mostrare a tutti il suo talento.

cartellino domenico berardi giovanili

Giocheró come se…
Già due anni dopo, il suo mentore, amico, mister, Eusebio Di Francesco lo gettava appena diciottenne nella bolgia della cadetteria, e al suo “te la senti?” Berardi rispose: “giocheró come se stessi giocando coi miei amici in Calabria!”. In serie B furono, in 37 giornate, ben 11 i gol per la cavalcata verso la prima storica promozione nella massima serie. Vi state chiedendo anche voi: “e se avesse detto giocherò come se stessi giocando in serie A, quanti ne avrebbe segnati???”

Cucirsi d’azzurro
Già, quanti? Me lo chiedo anche io, che da neo tifoso neroverde rivedo, su YouTube, i suoi goal. È la storia dei numeri di un campione quella di Berardi, con 46 goal segnati prima dei 23 anni e ora, appena ventiquattrenne, la chiamata di Mancini per cucirsi d’azzurro i prossimi successi.

Alla larga i detrattori
“Sì, i successi! Berardi ha sgomitato per bene per arrivare ai suoi successi, gli piace alzare il gomito, lo ha già fatto per tre volte, lo rifarà, come con Juan Jesus”. Qualcuno sarà sempre pronto a ironizzare e sminuire il prossimo e di Berardi potrà sottolineare il Livorno, il Parma e l’Inter. È quel qualcuno che si unisce al cattivo coro delle voci dei detrattori, sempre pronti a battere la lingua sul tamburo. È vero, gli sbagli non si cancellano, ma il sole è più alto dove l’ombra è più lunga e il presente è nei panni di una maglia della nazionale, è in un Sassuolo da quartieri alti della classifica di serie a, è nelle parole di un grande allenatore come De Zerbi: “Nazionale? Lo merita, poi le convocazioni non le faccio io e non voglio entrare nelle scelte degli altri, ma per quello che ha fatto in termini di corsa, generosità…oltre ai gol, merita di essere convocato. Lui capitano? In assenza di Magnanelli sarà lui, è quello che si è meritato negli anni, è qui da tanto, ha fatto quasi 50 gol in Serie A, non è un ragazzino, è giusto che abbia le responsabilità da giocatore importante, ha le qualità morali per trascinare il gruppo ed è giusto che si assuma certe responsabilità.” Cos’altro aggiungere?

La nazionale
Quando il tempo non passava, non passava la nottata, eri sempre più lontana ma tu ci sei sempre stata!
Forza Berardi, Forza Sasol!

di Aldo De Sanctis

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Aldo De Sanctis

Aldo De Sanctis
Abruzzese geograficamente vicino ai neroverdi chietini, tifoso di Roberto De Zerbi a partire da Benevento, scrive per passione, risponde con entusiasmo al “we want you!” di CanaleSassuolo.it e inizia a seguire con orgoglio il mondo del Sassuolo!

Potrebbe Interessarti

Sassuolo, è una grande campagna abbonamenti: 7.159 sottoscrizioni

Si è conclusa ieri sera la campagna abbonamenti del Sassuolo Calcio per la stagione 2018/2019: …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi