venerdì , 16 novembre 2018
Home / Campionato / De Zerbi verso Napoli-Sassuolo: “Dobbiamo fare di più per sperare di ottenere punti. Ancelotti? Un onore affrontarlo”

De Zerbi verso Napoli-Sassuolo: “Dobbiamo fare di più per sperare di ottenere punti. Ancelotti? Un onore affrontarlo”

Domani alle 18.00 andrà in scena Napoli-Sassuolo: giornata numero 8 del campionato dei neroverdi, che allo Stadio San Paolo dovranno tentare di andare oltre la pesante sconfitta casalinga patita nello scorso turno contro il Milan. Non sarà semplice portare a casa un risultato positivo e mister Roberto De Zerbi, nella conferenza stampa pre-partita seguita dallo Stadio Ricci dal nostro Enrico Bellei, si è dimostrato consapevole del grande valore dell’avversario.

“Dobbiamo avere lo stesso spirito messa in campo col Milan per affrontare una squadra prestigiosa, forte e in grande salute. Non dobbiamo commettere gli stessi errori della scorsa partita” sottolinea il tecnico “attenti a cosa possiamo determinare sulla base della nostra voglia di giocare. In settimana e fin da subito dopo la partita ho notato che molti erano dispiaciuti per la sconfitta, specie con quel risultato eccessivo. I ragazzi sono stati subito pronti a dimostrare di credere di poter fare di più e che con qualche disattenzione in meno si possono evitare certi risultati, abbiamo reagito subito e quello che succederà domani sarà figlio della voglia di mettere in campo lo spirito giusto. Questa è stata la prima settimana in cui si sarebbe piaciuto ripartire dal minuto zero contro il Milan, perché avremmo potuto e dovuto sbagliare meno”.

fonte: sassuolocalcio.it

 

Sulla formazione: “Tutte le partite hanno un unico filo conduttore che è quello del gioco, del talento e dell’organizzazione. Dobbiamo continuare a lavorare per esprimerci al meglio, indipendentemente dalla disposizione in campo, quello è solo un aspetto numerico. Per me la gara di domani è particolare, sono orgoglioso del mio passato con la maglia del Napoli, ho contribuito a far vincere un campionato di B utile per la rinascita della squadra e conservo grandi ricordi di quel periodo. Domani cercherò di andare al San Paolo per fare il meglio per la mia squadra e la mia Società, tentando di fare meno scelte sbagliate possibili dato che dobbiamo avere l’ambizione di fare punti. Ho già in testa la disposizione tattica con e senza palla, non so se sarà quella corretta da utilizzare ma ovviamente devo fare le scelte prima della gara. Sugli interpreti ho qualche dubbio: Duncan sarà ancora fuori e ho due-tre elementi non al massimo dal punto di vista fisico, dovrò dunque fare delle valutazioni dato che domani servirà correre ed essere attenti al massimo con grande qualità nel palleggio oltre alla capacità di strappare la partita, con l’ambizione di portare a casa un risultato. Non andremo solo per difenderci ma per mettere in evidenza le nostre qualità: solo attraverso questo possiamo sperare di non uscire sconfitti”-

Leggi anche > FOCUS ON NAPOLI-SASSUOLO: PRECEDENTI E CURIOSITA’

Dire Napoli significa parlare di una squadra reduce da un’ottima gara di Champions e guidata da uno degli allenatori migliori al mondo: “Un Napoli al 100% sarà pericolosissimo e il Liverpool ne sa qualcosa. La squadra partenopea ha impressionato ed è in un buon momento di forma, hanno calciatori fortissimi e così come accaduto contro la Juventus dobbiamo sperare in una giornata storta dei nostri avversari pensando però a noi e alla nostra prestazione. Per me sarà un onore affrontare Ancelotti, uno degli allenatori che sono stati in grado di portare l’Italia in alto anche all’estero con grande professionalità e serietà, oltre che con la grande conoscenza del mestiere di allenatore. Oltre a vincere fa giocare bene le sue squadre, come si sta vedendo con il Napoli che è in una fase di trasformazione, cosa non facile per quello visto negli anni scorsi. In poco tempo Ancelotti è riuscito a mantenere una forte identità per questa squadra. Cosa gli ruberei? Copiare non mi piace, ci si fa scoprire subito: apprezzo la sua capacità di prendere una squadra sulla carta non migliorabile e riuscire comunque nel suo intento, così come per Guardiola, Bielsa, Conte o Spalletti. Ogni allenatore deve fare di testa sua e l’attuale allenatore del Napoli dimostra che variando alcune posizioni dei giocatori, ad esempio, si può dare una identità precisa alla squadra. Vedere oggi giocare gli azzurri evidenzia molte differenze tattiche con quello di Sarri”.

Sul rinnovo di Magnanelli: “Sono molto felice, è un ragazzo splendido oltre che un giocatore di valore. Dato che spero di rimanere qui alcuni anni sono contento di poter contare su di lui, che è sempre stato disponibile ad ascoltare le mie idee. Da questo punto di vista la Società è molto attenta ad anticipare le situazioni e a capire i suoi giocatori”.

 

 

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Massimiliano Todeschi

Massimiliano Todeschi
Giornalista fulminato sulla via di Sassuolo dopo decenni di indifferenza verso il calcio. Miracoli neroverdi.

Potrebbe Interessarti

Leonardo Sernicola

Sernicola operato a Pavia: sarà un lungo stop per il difensore neroverde

Leonardo Sernicola, nel pomeriggio di domenica scorsa, è stato sottoposto ad un intervento per la …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi