martedì , 23 aprile 2019
Home / Campionato / De Zerbi prima di Sassuolo-Spal: “Per far bene bisogna ricordarsi della sofferenza di Empoli”

De Zerbi prima di Sassuolo-Spal: “Per far bene bisogna ricordarsi della sofferenza di Empoli”

Prima di Sassuolo-Spal, Roberto De Zerbi ha parlato in conferenza stampa, facendo larghi riferimenti anche alla sconfitta di Empoli.

Domenica scorsa il dito si è puntato contro di lui e contro la formazione: “La squadra è formata da tanti ragazzi per bene. È così che la società va a cercarli. Non c’è motivo di trattarli male e di arrabbiarsi con loro. Abbiamo difetti e limiti e tante cose da mettere a posto, quando parlo di far volare la sedia non voglio dire che non si impegnano, perché lo fanno al 100%. A Empoli abbiamo sbagliato gara completamente. Ho parlato con i ragazzi, anche in maniera forte, ma tutto nella norma. Se io mi assumo la colpa di una partita persa è perché lo penso, non è un discorso di facciata. Se cerco sempre di difendere i miei giocatori è perché lo meritano. Se si perde la colpa è di tutti, per prima mia. Ma a me van bene questi giocatori”.

Leggi anche > FOCUS ON SASSUOLO-SPAL: PRECEDENTI E CURIOSITA’

Il mister vuole un cambiamento meglio: “Bisogna portarsi la sofferenza di domenica, per il modo come abbiamo perso. Perché poi se va bene ci si sente migliori, però è servito a qualcosa. Altrimenti succederà ancora, tra un mese e tra un anno. Queste cose servono a spostare qualcosa nell’allenamento, nella settimana, nel sonno. Altrimenti bisogna cambiar mestiere”.

L’avversario sarà difficile e Roberto De Zerbi cambierà qualcosa: “La Spal è una squadra viva, domenica era andata addirittura in vantaggio con la Fiorentina. Ha perso a Napoli facendo una buona partita. È una partita difficile. Qualcosa cambierò. C’è chi tira la carretta da tanto tempo e ha bisogno di riposare, qualcuno lo sto vedendo bene, altri li cambierò perché non siamo tutti uguali e alcuni sanno reagire un po’ meglio. Cercheremo di sbagliare il meno possibile, cambiando senza stravolgere. Bisogna passare dal gioco e dall’organizzazione, nonché dalla voglia di divertirsi”.

Infine precisa le sue parole: Che il Sassuolo possa fare partite come quelle di Empoli ci può stare. Abbiamo ragazzi giovani, 97, 98, 99… Se uno di trent’anni sa che la partita di Empoli è più difficile di quella con la Juve, magari uno di vent’anni non lo sa. Compito mio non è togliere il problema o nascondere la polvere sotto il tappeto, ma prepararli al meglio. Dall’altra parte deve esserci la capacità di assorbire il tipo di partita che verrà. Anche io potevo fare scelte diverse a Empoli, ma a volte bisogna andare a sbatterci con tutta la faccia. Questo ci fa svegliare, capire e crescere il più velocemente possibile…”

Leggi anche > MAGNANELLI: “NIENTE DRAMMI, BISOGNA ESSERE EQUILIBRATI”

de zerbi genoa-sassuolo
foto: foxsports.it
GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Da Benevento si è innamorato dei colori del Sassuolo. Giornalista pubblicista e laureato in Relazioni Internazionali, scrive con passione del mondo neroverde.

Potrebbe Interessarti

Stefano Sensi e Jeremie Boga

I numeri di Sassuolo-Udinese 1-1: amuleto Dacia Arena per Sensi

Risale ad un anno e un mese fa l’ultima vittoria per 2-1 del Sassuolo sull’Udinese …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi