venerdì , 20 luglio 2018
Home / Campionato / Crotone-Sassuolo 4-1, una partita che non avremmo voluto vedere

Crotone-Sassuolo 4-1, una partita che non avremmo voluto vedere

Quella andata in scena allo Scida di Crotone ha tutti i volti e i colori della partita che non avremmo mai voluto vedere. Prenderne quattro da una diretta concorrente nella corsa salvezza significa dimostrare di non avere quella fame necessaria a raggiungere un obiettivo nemmeno quando quell’obiettivo sembra a portata di mano. Bastava vincere, eppure no. A noi piace complicarci la vita.

E va bene che dall’altra parte c’era il Crotone col fiato sul collo, che ha fatto di tutto per uscire dalla zona rossa. Che i calabresi abbiano un gran cuore è noto, basta guardare come si sono salvati l’anno scorso o come hanno strappato un punto a una Juve che, pur essendo in piena crisi di gioco, è sempre la prima della classe.

Leggi anche > IACHINI: ‘QUESTO NON E’ IL MIO SASSUOLO’

fonte: foxsports.it

Ma non è per tessere le lodi degli avversari che si sta qui a scrivere queste righe. Anzi, semmai è il contrario. Siamo qui a rimangiarci quanto abbiamo detto per otto partite di fila, nelle quali si è visto l’occhio della tigre dentro agli sguardi di Magnanelli e compagni.

Quell’occhio della tigre che s’è spento sulla via di Crotone. Sarà che la Calabria è troppo lontana per arrivarci con la testa lucida, sarà che l’aria di mare ha fatto pensare agli uomini di Iachini di prendersi un giorno di vacanza. Sarà che forse hanno dato troppo per scontata una salvezza che, numeri alla mano, ancora non c’è.

Leggi anche > CROTONE-SASSUOLO 4-1: GARA DA DIMENTICARE

foto:foxsports.it

Ok, sarà disfattismo, ma subire quattro gol dagli squali è troppo, con tutto il rispetto. Poteva starci subirne sette dalla Juve o sei dalla Lazio, ma qui si esagera. E lo diciamo senza voler dare alcun credito a quelle voci che in una sordina assordante sussurrano a gran voce il termine ‘combine‘.

Ancora una volta l’esempio da fare è il più estremo, ma rende bene l’idea: quel Benevento già retrocesso che in casa ha strappato un pareggio all’Udinese di Tudor, lottando con le unghie e con i denti come se il suo destino non fosse già segnato. Insomma, il calcio che ci piacerebbe vedere sempre.

Perché poi, alla fine, guardando i tabellini di questa giornata numero 35, la sconfitta non è venuta poi nemmeno tanto per nuocere. Si resta là, al tredicesimo posto, a guardare le ormai affondanti veronesi, sperando che tra tre settimane stiano ancora lì a far compagnia ai sanniti. Ma le prossime partite saranno veramente dure se non si affrontano con lo spirito giusto. Sampdoria, Inter e Roma, tre avversarie che hanno i pronostici dalla loro parte.

foto: foxsports.it
GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Da Benevento si è innamorato dei colori del Sassuolo. Giornalista pubblicista e laureato in Relazioni Internazionali, scrive con passione del mondo neroverde.

Potrebbe Interessarti

Serie A 2018/19: tutte le date della nuova stagione

Mancano due mesi all’inizio del prossimo Campionato di Serie A. La Lega ha pubblicato tutte …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi