mercoledì , 21 novembre 2018
Home / Interviste / Boateng: “Progetto Sassuolo oltre la salvezza. De Zerbi è un genio”

Boateng: “Progetto Sassuolo oltre la salvezza. De Zerbi è un genio”

Kevin Prince Boateng è arrivato in neroverde tra l’entusiasmo generale e, finora, ha raccolto solo applausi. Ha parlato di sé, di De Zerbi, degli obiettivi del Sassuolo e della prossima sfida Juventus-Sassuolo.

C’è qualche rimpianto, però, rivela alla Gazzetta dello Sport: “A 31 anni sto benissimo, riesco ad aiutare la squadra anche lì davanti, anche se questo significa correre di più. So che ho sbagliato tanto da giovane perché non ero serio e non avevo la gente giusta intorno, a differenza di oggi. Guardando indietro sento che sarei potuto arrivare molto più in alto, nonostante la mia buona carriera”.

Tanta stima per il suo allenatore: De Zerbi mi dà ciò che mi serve oggi in campo: la libertà, ma con tante opzioni. È un genio per come vede il calcio. Mi sta insegnando a trovare sempre la posizione giusta, in ogni giocata”.

E gli obiettivi neroverdi puntano in alto:Non sono qui per la salvezza. Il progetto Sassuolo va molto oltre la salvezza. Visto le prime tre partite? Ecco, quello è il nostro target. Puntiamo in alto, dove forse nessuno ci vede…”

Alla ripresa si va a Torino a sfidare la Juventus: Contro la Juve è già speciale, se poi ti giochi il primo posto è il massimo. Per fare punti devi essere perfetto e sperare che loro non lo siano. Ma siamo una squadra di giovani che hanno la possibilità di affrontare i giocatori più forti del mondo in uno degli stadi più importanti d’Europa. Cosa vuoi di più?

GUARDA ANCHE:
POTREBBE INTERESSARTI:

Riguardo Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino
Da Benevento si è innamorato dei colori del Sassuolo. Giornalista pubblicista e laureato in Relazioni Internazionali, scrive con passione del mondo neroverde.

Potrebbe Interessarti

Manuel Locatelli dopo Sassuolo-Lazio: “Ancora non ci siamo fissati un obbiettivo”

Manuel Locatelli, centrocampista del Sassuolo, analizza in Mix Zone Sassuolo–Lazio 1–1. Ecco le sue parole:  …

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi