martedì , 26 settembre 2017
Home / Campionato / Ahi Castellani, di dolore ostello…

Ahi Castellani, di dolore ostello…

Questa volta citiamo il fiorentino Dante Alighieri, ma dopo la sconfitta rimediata proprio nei pressi del capoluogo toscano tutta la poesia sparisce e ai tifosi neroverdi sembra davvero di precipitare in un inferno. Inutile nascondersi dietro un dito: la squadra non è apparsa in palla, ha commesso troppi errori e un Empoli ben organizzato ha meritato di prevalere. Un primo tempo tutto sommato equilibrato ha poi lasciato spazio a una ripresa costellata da amnesie, palloni persi e leggerezze imperdonabili (il neoentrato Mchedlidze ringrazia).

L’Empoli ha giocato un buon calcio, mentre il Sassuolo è apparso confuso e incapace di prendere in mano risolutamente l’incontro. Per certi versi al Castellani è andata in scena una replica della sconfitta patita contro il Cagliari nella prima giornata di ritorno, e non rimane che sperare che le rappresentazioni di quella tragedia siano finite nel primo pomeriggio di ieri. Con grande amarezza bisogna rilevare, a fianco delle emergenze difensive e del rendimento altalenante dell’attacco, che in mezzo al campo la qualità latita. I centrocampisti sassolesi, pur dotati di grande spirito di sacrificio, raramente si sono rivelati propositivi e in grado di costruire gioco: troppo spesso, infatti, hanno semplicemente contenuto quello degli avversari, scelta che si è rivelata deleteria in terra toscana, al cospetto di un Empoli abilissimo nel palleggio e capace di dare pochi punti di riferimento.

empoli-sassuolo-sconfitta

Tornano di nuovo in mente i vani tentativi operati a gennaio per rafforzare il reparto: il rimpianto aumenta se torna alla mente che lo stesso Saponara scaricato dal Milan e che ora sta dettando i tempi all’Empoli era nel mirino del Sassuolo, ma ha preferito tornare alla sua ex-squadra mettendosi a disposizione di Sarri. La dirigenza emiliana dovrà riflettere a fondo fin dall’inizio dell’estate per cercare di raccogliere pedine in grado di consolidare la rosa in questa direzione. Ma naturalmente, come insegna don Eusebio, ora l’attenzione deve essere rivolta solo alla prossima partita e al raggiungimento dell’obiettivo salvezza.

Di Francesco ha ammesso le colpe della squadra assumendosi le responsabilità della sconfitta, ma contrariamente a quanto ci si poteva aspettare ha sottolineato che, dal punto di vista della tensione agonistica, la pausa dovuta agli impegni della Nazionale non cade a fagiolo. Il tecnico pescarese avrebbe infatti preferito giocare subito per mantenere i giocatori sulla corda portandoli ad una reazione immediata, anche perché nel turno pre-pasquale al Mapei sarà ospitato quel Chievo reduce da 4 risultati utili consecutivi e soprattutto da due importantissime vittorie contro squadre del calibro di Genoa e Palermo. La compagine di Maran ha peraltro raggiunto in graduatoria proprio il Sassuolo allontanandosi dalla zona più calda della classifica: quindi a Reggio Emilia sarà battaglia e per i neroverdi non sono permessi altri passi falsi per dimostrare che l’ottimo girone di andata non ha rappresentato una casualità, ma per questo Sassuolo può essere la regola. Alle concorrenti per la salvezza non possono assolutamente essere concessi altri bis delle tragedie di Cagliari ed Empoli, o il girone della lotta per non retrocedere sarà davvero infuocato…

di Massimiliano Todeschi

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi tutti gli articoli di Massimiliano Todeschi.

 

GUARDA ANCHE: .

Riguardo Massimiliano Todeschi

Massimiliano Todeschi
Giornalista fulminato sulla via di Sassuolo dopo decenni di indifferenza verso il calcio. Miracoli neroverdi.

Potrebbe Interessarti

Sassuolo-Bologna 0-1: il derby è una doccia fredda

Il Sassuolo perde il derby solo alla fine, dopo il rosso a Magnanelli. Una doccia fredda per i neroverdi, alla quarta sconfitta stagionale.

Questo sito si avvale di cookie. Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. cookie policy

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi